Annotazioni sulle REICAT

Due annotazioni sulle REICAT da una prima lettura.

1. A proposito delle intestazioni
A mio avviso occorreva rinunciare a parlare di intestazione principale, etc. Nello spirito di FRBR, per esempio il traduttore è un punto di accesso all’espressione e non serve dire che è secondario.
Io avrei fatto così:
opera – legame autore ( = creatore) fino a tre autori: legame tipo O
espressione – legame con traduttore, curatore, editor: legame tipo E
manifestazione (pubblicazione) – legame con prefatore, editore: legame tipo MP o nessun legame
Avrei qualche riserva sull’illustratore, che può essere creatore o parte dell’espressione a seconda del ruolo che svolge caso per caso.
Nelle REICAT espressione e manifestazione si sovrappongono, come viene ammesso implicitamente nella reiterata formula “per l’espressione o per la pubblicazione”.

2. Titoli collettivi uniformi
Sui titoli collettivi uniformi noto troppa meticolosità per un impiego facoltativo. In questo caso, stabilita la regola di adottare l’espressione “opere”, non avrei sobbarcato il catalogatore dell’impegno di ricercare i “generi letterari” (con la maledizione di Croce) attribuiti all’autore, ma sarei ricorso in appendice a un elenco esemplificativo, includendo anche termini a carattere disciplinare (opere filosofiche, opere politiche), stilistici (epigrammi), tematici (racconti polizieschi): sono tutti tentativi appropriati se la finalità è specificare il termine generico “opere”.

Una Risposta

  1. Un commento sul punto 1. E’ bene tener presente che con SBN Indice 2 (e quindi i programmi che supportano il protocollo SBN-MARC) e penso anche con altri prodotti, oltre i classici tre tipi di intestazioni è possibile indicare il ruolo dell’autore scegliendolo da una lista ricchissima che comprende curatori, traduttore, esecutore, attore, ballerino, sceneggiatore ecc. ecc.

    E’ probabile che, soprattutto per alcuni tipi di pubblicazioni come i film e le registrazioni musicali, questo dato diventerà quello veramente importante, mentre la distinzione tra autore principale e secondario perderà importanza.

    Tuttavia questa distinzione rimane utile in alcuni casi: quando davvero c’è chiaramente un autore principale, come avviene in molte opere di carattere testuale, e quindi è giusto che sia messo in evidenza. Inoltre è utile quando si devono produrre liste ordinate per autore, e si vuole che ogni titolo appaia una volta sola e non una volta per ciascun autore collegato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: